Piero Didio
Piero Didio

Informazioni

Il mio sito web

Sul mio nuovo sito avrete modo di conoscere me e i miei hobby.

I dolori del giovane Werther

di Johann Wolfgang Goethe

"Non oserò mai baciarvi, o labbra sulle quali aleggiano spiriti divini"

 

Questo dice il giovane Werther pensando alla "sua" Carlotta.
Allora, "I dolori del giovane Werther" di Goethe è uno dei più bei libri che io abbia mai letto. Romeo e Giulietta a parte non avrei mai immaginato che un libro d'amore mi avrebbe emozionato a tal punto, eppure più volte mi sono soffermato su dei passaggi straordinari, scritti con una eleganza e una profondità di pensiero che ha dell'incredibile.  Se dovessi fare un paragone tra il libro di Shakespeare e quello di Goethe direi che il primo ha una grandissima storia scritta meravigliosamente; il secondo ha una scrittura, credo, quasi ineguagliabile; solo la scrittura di Pirandello mi ha emozionato allo stesso modo. Chiunque si diletti di scrittura dovrebbe avere come riferimento almeno questi tre autori che ho citato.
I dolori del giovane Werther è un libro assolutamente da leggere.

 

Riporto un altro passo di questo libro straordinario:

"... La lasciai dopo averla pregata di permettermi di andarla a vedere il giorno stesso; acconsentì, e andai; da allora il sole, la luna e le stelle possono continuare tranquillamente il loro corso, io non so se sia giorno o notte, e tutto il mondo mi scompare d'intorno."

L'immagine è un quadro ispirato al romanzo di Goethe
Stampa Stampa | Mappa del sito
© Piero Didio